Come trovare il cuscino migliore? Ad ognuno il suo!

14/1/2020
Icon Clock 2
minuti

Di cuscini ce ne sono tantissimi: alti, bassi, morbidi, solidi, ortopedici… Ma come scegliere il cuscino migliore per noi e la nostra famiglia? Andiamo con ordine!

E tu in che posizione dormi?

La posizione in cui dormiamo è un buon indicatore dello spessore del cuscino che dovremmo utilizzare. Per chi dorme a pancia in su o di fianco è meglio utilizzare un cuscino medio o alto per sostenere correttamente la curvatura cervicale in posizione naturale. Per chi dorme a pancia in giù invece è meglio utilizzare un cuscino basso o bassissimo, per evitare di costringere il collo mentre si trova in torsione. Chi dorme a pancia in giù ha infatti il viso girato verso destra o sinistra, a meno che non decida di dormire con la faccia completamente sprofondata nel cuscino! La posizione prona è tra l’altro sconsigliata proprio per le intense sollecitazioni a cui sottopone il tratto cervicale.

Tieni presente peso (tuo) e altezza (del cuscino)

Un neonato, un bambino e un adulto hanno corporature molto diverse, per questo è sconsigliato far loro utilizzare lo stesso cuscino. I cuscini per neonati sono infatti molto bassi e spesso traforati, per scongiurare il rischio di soffocamento. I cuscini per bambini hanno un’altezza intermedia e sagomature speciali per sostenere testa e collo in maniera corretta (si sa quanto peso portano con le cartelle scolastiche!) Mentre gli adulti hanno a disposizione una vastissima gamma di cuscini per ongi esigenza specifica. Puoi fare la prova di quale sia il cuscino più adatto a te usando il configuratore per un cuscino migliore.

Il materiale conta per trovare il cuscino migliore!

Ci sono i cuscini in fibre naturali come il cotone e la lana per chi ama un appoggio soffice e il lattice per chi preferisce quelli più resistenti e sagomati. Il re delle fibre sintetiche invece è il cuscino in memory foam, una vera e propria schiuma che si adatta alla forma della vostra testa. Per le famiglie più esigenti, i cuscini memory foam esistono anche per bambini.

Il cuscino migliore per chi ha esigenze specifiche

Per chi soffre di mal di schiena, dolori cervicali, gambe pesanti, reflusso o semplice russamento, utilizzare un cuscino migliore può veramente fare la differenza. L’uso di un buon cuscino ortopedico, magari certificato dispositivo medico CE permette infatti di controbilanciare il disturbo e scoraggiarne l’insorgenza.

E se sono in gravidanza?

Essere in dolce attesa può essere un ostacolo alle lunghe dormite! Certo, alcune fortunate dicono che come in gravidanza non si dorme mai più (soprattutto perché per un paio d’anni dopo il parto il sonno sarà tutt’altro che scontato) ma la maggior parte delle donne lamenta disturbi al sonno soprattutto nel secondo e terzo trimestre. Quando la pancia si fa notevole, l’utilizzo di un cuscino per la gravidanza può migliorare notevolmente le cose!